guide

Trucchi per conoscere e sfruttare al massimo il flash

Quando l’illuminazione offerta dalla luce naturale è insufficiente o non vi soddisfa, sono disponibili diverse opzioni, soprattutto se state utilizzando una fotocamera Reflex o DSLR avanzata. Grandi unità flash, flash esterni o luci di studio sono tutte ottime soluzioni vincenti.

Tuttavia, la luce più comune e facile da usare è quella del piccolo flash esterno, chiamato anche un lampeggiatore, che si attacca alla slitta della fotocamera. Canon utilizza il termine “Speedlite” nei suoi marchi per le unità flash esterne, mentre Nikon utilizza il termine “Speedlight” nei suoi prodotti.

Alcune unità flash esterne sono abbastanza grandi e pesanti, mentre altre, in particolare quelle realizzate per le fotocamere DIL, sono abbastanza piccole e compatte. Scoprirete anche che alcuni lampeggiatori permettono di controllare con precisione l’intensità della luce che producono, nonché la direzione in cui viaggia. Per più avanzate esigenze, è necessario indirizzarsi verso una unità più avanzata di flash esterno in grado di offrire un controllo più preciso.

Tenete presente che alcuni modelli di lampeggiatori non possono funzionare con alcune camere, pertanto, prima di fare l’acquisto di un flash, assicuratevi che il modello del vostro apparecchio sia compatibile.

Trucchi per sfruttare al massimo il flash

Presentiamo ora qualche suggerimento che potrà aiutarvi ad utilizzare il flash esterno con più successo.

Rispetto ad un tipico flash incorporato, una unità esterna vi darà opzioni di illuminazione più potenti e un maggiore controllo su tali opzioni. Il lampeggiatore inoltre lavorerà su distanze maggiori rispetto al flash incorporato. Quindi, se avete intenzione di lavorare molto in interni con scarsa illuminazione, una fotocamera DSLR o una fotocamera DIL con un flash esterno può essere la scelta migliore per ottenere foto di alta qualità.

Un lampeggiatore non fornisce più luce rispetto ad un grande flash o ad una luce da studio, ma il lampeggiatore è molto più versatile perché può essere utilizzato in diverse situazioni. E’ anche molto più facile da trasportare per una sessione di fotografia al di fuori del vostro studio.

Prima di utilizzare un nuovo lampeggiatore, assicuratevi di provarlo con la vostra attrezzatura. Assicuratevi che il lampeggiatore sia abbastanza lontano dalla fotocamera per evitare che venga coperto da un paraluce o dal teleobiettivo. Inoltre, prima di utilizzarlo per una serie di fotografie importanti, assicuratevi di testare l’accoppiamento e la distribuzione del peso della fotocamera con il lampeggiatore collegato. Alcune unità flash esterne più pesanti possono essere difficili da usare con alcune fotocamere, a causa dello sbilanciamento che creano.

Accertatevi che il lampeggiatore che sceglierete, disponga di una batteria propria, come la maggior parte di loro. Scegliendo un lampeggiatore che si alimenta dalla fotocamera provocherà lo scaricamento rapido della stessa.

Se il lampeggiatore dispone di regolazione dell’angolazione, sfruttate questa possibilità quando necessario. Per esempio, se puntando il flash direttamente sul soggetto si generasse un riverbero indesiderato, potete regolare l’angolazione per far rimbalzare la luce sul soffitto o su una parete.

Infine, studiate bene il manuale per scoprire tutte le funzionalità che sono disponibili. Alcuni lampeggiatori possono essere utilizzati anche con la macchina fotografica spenta e alcuni sono dotati di messa a fuoco assistita. Alcuni addirittura permettono di sincronizzarsi alle diverse velocità dell’otturatore. Maggiori saranno le conoscenze acquisite sul tuo flash e maggiori saranno le probabilità di ottenere foto di qualità in situazioni di scarsa illuminazione.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *